Manoscritti medievali nella Biblioteca dei Redentoristi di Venezia

RICCARDO QUINTO

MANOSCRITTI MEDIEVALI NELLA BIBLIOTECA DI REDENTORISTI DI VENEZIA
(SANTA MARIA DELLA CONSOLAZIONE, DETTA “DELLA FAVA”)

CATALOGO DEI MANOSCRITTI
CATALOGO DEI SERMONI
*
IDENTIFICAZIONE DEI CODICI DELL’ANTICA BIBLIOTECA DEL CONVENTO DOMENICANO DEI SANTI GIOVANNI E PAOLO DI VENEZIA

Con una prefazione di LOUIS-JACQUES BATAILLON

(Subsidia Mediaevalia Patavina, 9)

Padova: Il Poligrafo, 2006
442 pp., ISBN 88-7115-533-5


La biblioteca del convento domenicano dei Santi Giovanni e Paolo di Venezia possedeva nel XVIII secolo oltre ottocento manoscritti greci, latini, italiani e orientali. Tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento, con la confisca del convento e la soppressione della comunità, questa ingente raccolta di codici fu smembrata e un certo numero di volumi fu trasferito alla Biblioteca Marciana, mentre il resto fu disperso. Un gruppo di sessanta codici rimase a Venezia, presso la Biblioteca dei Filippini di S. Maria “della Fava”, passata all’inizio del XX secolo alla Congregazione dei Redentoristi. Il presente catalogo offre la descrizione dell’intero fondo di manoscritti medievali della Biblioteca dei Redentoristi (comprendente i sessanta codici di provenienza domenicana, nonché alcuni codici di altra provenienza), insieme a una ricostruzione delle vicissitudini occorse ai manoscritti domenicani nel periodo della dispersione. Viene inoltre indicata l’attuale collocazione di tutti i codici ritrovati, ossia quelli entrati nella Biblioteca Marciana, quelli conservati nella Biblioteca dei Redentoristi e presso altre istituzioni veneziane, nonché quelli rintracciati in altre raccolte pubbliche e private d’Italia, d’Europa e del Nord America o ancora disponibili nel mercato antiquario. Si dà  così notizia di 415 codici ritrovati: 90 greci, 48 orientali e 277 latini e italiani. Tra i manoscritti della Biblioteca dei Redentoristi, accanto a testi d’interesse filosofico e teologico, spicca la presenza di numerose raccolte di sermoni, in gran parte non conosciuti o noti soltanto in base agli antichi cataloghi: il volume presenta quindi anche il censimento di oltre duemila sermoni, frutto dello spoglio completo delle raccolte omiletiche del fondo.


Premessa di Franco Desideri C.SS.R.   11
Prefazione di Louis-Jacques Bataillon O.P.   13

Abbreviazioni   17
Abbreviazioni bibliografiche   17
Abbreviazioni bibliche   35
Altre abbreviazioni   36

Introduzione   39

  1. La Biblioteca dei Redentoristi di S. Maria della Consolazione (detta “della Fava”)   39
  2. Il fondo dei manoscritti medievali   43
  3. Norme di catalogazione   53
  4. Ringraziamenti   56

PARTE PRIMA
Venezia, Biblioteca dei Redentoristi
Catalogo dei manoscritti medievali   59-143

PARTE SECONDA
Venezia, Biblioteca dei Redentoristi
Catalogo dei sermoni   145-350

PARTE TERZA
La Biblioteca dei Redentoristi e l’antica biblioteca dei Domenicani dei SS. Giovanni e Paolo di Venezia

  1. Individuazione degli attuali codici della Biblioteca dei Redentoristi negli antichi cataloghi della Biblioteca dei SS. Giovanni e Paolo, con indicazione dei possessori individuali   351
  2. Codici elencati nel catalogo della Biblioteca dei SS. Giovanni e Paolo redatto da D.M. Berardelli (1770-1784) oggi ritrovati, con l’indicazione delle attuali segnature   354

PARTE QUARTA
Anecdota

  1. Appendice manoscritta di Jacopo Morelli alla copia marciana del catalogo Berardelli   373
  2. Principio della congregazione dell’Oratorio di Vinezia” dal “Libro de’ sacerdoti“, f. 2 r-v   377

Indici
Indice dei nomi e delle copie anonime   381
Indice dei copisti e dei possessori   391
Indice incipitario   393
Indice tematico dei sermoni   397
Indice incipitario dei sermoni privi di tema   429
Indice dei manoscritti citati   433
Indice delle tavole fuori testo   441

 

Condividi